Black Sails 3, una battuta d’arresto

il

E’ andata settimana scorsa in onda l’ultima puntata della terza serie sui pirati di Nassau.
Se ho amato le prime due stagioni, caratterizzate da storie intricate, ambientazioni magnifiche e grandi interpreti che ci immergono nell’atmosfera piratesca di inizio XVIII Secolo, devo dire che la terza stagione ha generato qualche perplessità.
Premetto:  l’accuratezza della realizzazione è sempre di altissimo livello, ogni immagine, ogni interno, sono illuminati alla perfezione, ogni ripresa molto studiata, i personaggi tutti ben interpretati: è una serie che dal punto di vista tecnico ha pochi rivali.

blacksails3-xix-pirati

Il problema è un altro.
La serie parte molto bene, con un Capitano Flint cieco dalla rabbia che semina morte per tutti i Caraibi, e con l’arrivo a Nassau della Marina inglese e del temibile Marshall Teach, più noto come Barbanera.
Gli sceneggiatori hanno qui voluto dare un’impronta diversa: mentre le prime due serie erano guidate da intrighi, tradimenti, piani segreti tra i vicoli, qui invece le cose sono molto più in grande, con spiegamenti di uomini, duelli all’ultimo sangue, battaglie (navali e campali) ed enormi flotte.
Tuttavia, dopo un inizio folgorante, la storia (come ahimè succede ormai troppo spesso nelle serie televisive) entra in una fase, diremmo, di bonaccia.
Viene infatti disegnato un intrigo internazionale intorno a Nassau, che riguarda i nostri cari pirati, le forze inglesi e quelle spagnole.
Ahimè però lo scontro di cui si parla per tutta la serie, quasi in modo ossessivo, tra Inglesi e Spagnoli, da un lato, e Inglesi e pirati, dall’altro, e che ci saremmo aspettati nelle ultime puntate, viene rimandato alla quarta stagione.
La serie si chiude così quasi all’improvviso, come una specie di opera incompiuta, lasciando lo spettatore di stucco più per quello che non è ancora successo che per quello che ha visto.

blackbeard

Probabilmente la serie inizia ad avvertire il peso del suo principale problema, ovvero quello di avere un finale già scritto: Flint che nasconde il tesoro di cui si è alla fine impossessato, uccidendo gran parte del suo equipaggio.
Insomma, l’incipit de L’isola del Tesoro.
E, in questo spazio circoscritto, gli sceneggiatori stanno cercando di dilatare i tempi.
Come spesso oramai mi capita di constatare, in tutto questo genere di produzioni si assiste frequentemente ad una o più stagioni di semplice transizione: in questo periodo, di grande successo delle serie televisive, assistiamo alla realizzazione di un’attesa più che di una azione.
La conferma è data anche da tutti i casi (da ultimo Vinyl) in cui l’idea nata per durare lo spazio di un film, viene gonfiata a dismisura per riempire una o più stagioni.
La qualità (non della realizzazione , ma) della narrazione nelle serie televisive sta diventando sempre più difficile da trovare.

|di Tommaso Frangini|

SATIRO SAGGIO COPERTINA

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Allan Pop ha detto:

    Io sono di diverso avviso. Ho amato la terza stagione più delle altre. E’ in parte vero quello che dici, cioè che le premesse erano diverse, visto il finale della seconda stagione. Ma è anche vero che cambiando totalmente tutti gli equilibri, bisognava introdurre degli elementi nuovi per poter gettare le basi sulle narrazioni successive. Ci sono momenti altissimi secondo me. My 2 cents

    Liked by 1 persona

  2. satirosaggio ha detto:

    Grazie mille del commento!
    Sono d’accordo sul fatto che ci siano momenti altissimi, compresa la sequenza finale.
    Sono d’accordo anche sul fatto che abbiano voluto cambiare radicalmente la portata della serie, e si nota, ma rimango comunque insoddisfatto del risultato finale.
    Grazie ancora!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...